Allergie

Allergia alla polvere domestica e articoli da letto imbottiti di piumino e piume? Tanto rumore per niente!

Coloro che soffrono di allergia alla polvere domestica non devono rinunciare agli articoli da letto imbottiti di piumino e piume. Sempre più spesso si afferma la presenza di un legame tra l'insorgere di reazioni allergiche contro gli acari della polvere e l'impiego di articoli da letto imbottiti di piume e piumino. Molti dottori ed esperti di tessuti generalmente consigliano alle persone che soffrono di questa forma di allergia di usare articoli da letto con altri materiali di imbottitura.

Sulla base di risultati scientifici nuovi, però, questo pregiudizio nei confronti delle cattive qualità di piume e piumino deve essere del tutto rivisto, forse va addirittura affermato il contrario.

Quanto è vera questa affermazione?
Il Prof. Dr. Dr. Hans Jürgens - direttore dell'Istituto di antropologia industriale dell'università di Kiel - ha studiato a fondo la questione e ha condotto una ricerca in merito a questo problema. I risultati confermano che chi è allergico agli acari della polvere può dormire tranquillamente in articoli da letto imbottiti con piumino e piume, e che anzi, è addirittura particolarmente consigliabile.

Una dimostrazione pratica
Una volta che i risultati di laboratorio hanno confermato che l'uso di articoli da letto imbottiti di piumino e piume non è assolutamente correlato alla presenza più o meno massiccia degli acari della polvere, il Prof. Dr. Dr. Jürgens ha svolto una ricerca rappresentativa su coperte usate provenienti da varie abitazioni. In tutti i casi è stato possibile dimostrare che negli articoli da letto non erano sostanzialmente presenti acari.

L'approccio
Non è l'acaro in sé a scatenare l'allergia, bensì le sue feci - e solo in caso di forte presenza. La presenza di singoli acari, dal punto di vista allergologico, non è un elemento scatenante. Gli acari della polvere sono presenti in ogni abitazione, perché sono a proprio agio negli ambienti climatici favorevoli per l’uomo. Per questo motivo, è difficile eliminarli del tutto senza compromettere la qualità di vita. Poiché è solamente la presenza massiccia degli acari il fattore di rischio per gli allergici della polvere, il primo obiettivo della ricerca era di scoprire quali condizioni favoriscono la riproduzione degli acari.

Nutrizione
Gli acari della polvere si nutrono principalmente di cellule morte della pelle umana e degli animali domestici. Una persona produce giornalmente ca. 0,5 - 1 grammo di cellule morte; basti pensare che sono sufficienti 0,25 grammi per nutrire svariate migliaia di acari per mesi. Come emerso dagli studi, piume e piumino non sono alimenti ambiti per gli acari della polvere. Dunque, è possibile affermare che non sono il piumino e le piume a nutrire gli acari, bensì l'uomo.

Una barriera fatta di tessuto
Un aspetto interessante emerso dalla ricerca è che gli acari della polvere sono troppo grandi perché possano attraversare il tessuto a tenuta di piuma. I tessuti a tenuta di piuma, in gergo chiamati “intima”, garantiscono uno scambio di calore e aria ottimale, ma la tessitura è tanto fitta da non permettere al piumino di fuoriuscire. Gli acari tendono a non entrare nel piumino, dato che il contenuto non è loro nutrimento naturale, e in più, l’intima rappresenta per loro un'ulteriore barriera.

Risultato: Un sì a piume e piumino
Anche chi è allergico alla polvere domestica può godere senza problemi dei vantaggi e del comfort che offrono gli articoli da letto in piumino e piume. Come mostrano i risultati della ricerca, sono due i motivi che spiegano la sostanziale assenza degli acari nelle coperte imbottite di piumino e piume: da un lato, si nutrono principalmente di cellule morte della cute e non di piume, per cui gli acari non sono motivati a penetrare  l’intima. Dall'altro, il tessuto di rivestimento così fitto, che non lascia passare il piumino, costituisce un ulteriore ostacolo da superare..

È possibile consultare altre ricerche nel riepilogo disponibile su www.nomite.de.

Stampa pagina Consiglia questa pagina Inizio pagina